Prenota Slow Science

Una serie di incontri aperti a tutti coloro che hanno voglia di prendersi del tempo per ascoltare, pensare, condividere e confrontarsi.
Presso la sala lettura della Biblioteca Dario Nobili CNR di Bologna, dalle ore 18.00 alle 20.00.
NB: Non è richiesta la prenotazione per seguire lo streaming.

PALINSESTO INVERNALE

Lunedì 23 gennaio
GIALLO ZOLFO. UNA STORIA DI BAMBINE E MINATORI
Lo zolfo ha caratterizzato la storia dell’uomo in particolari contesti geografici e sociali determinandone
valori, simboli e migrazioni. Affronteremo questi aspetti inaugurando la mostra Giallo Zolfo che accompagna
la presentazione dell’omonimo libro scritto da Ciro Saltarelli ed illustrato da Viola Bartoli, un’opera ispirata a
fatti realmente accaduti.

Lunedì 30 gennaio
COME NASCONO GLI OCEANI.
LA VITA DEI PIANETI DIPENDE DALL’ACQUA

Perché la Terra è l’unico pianeta nel Sistema Solare con acqua allo stato liquido? E come si sono formati gli
oceani e i continenti? Bonatti ci racconta il passato, il presente e il futuro geologico dei nostri mari; ripercorre
così il legame tra acqua e vita che ha plasmato la storia dell’umanità attraverso la sua esperienza personale,
tra navi oceanografiche e immersioni sul fondo marino sino a quasi 6000 metri.

Lunedì 6 febbraio
QUANTA PLASTICA C’È NEL MARE?
Eleonora Polo – Ricercatrice ISOF CNR UOS di FerraraQuando i media parlano delle “isole di plastica” negli oceani spesso le associano a immagini che sono state
scattate da un’altra parte. Perché? Sfatando bufale e leggende metropolitane, scopriremo quale sia il loro
vero aspetto, perché non si trovano su nessuna mappa nautica, come si formano e cosa possiamo fare per
migliorare lo stato dei nostri mari e oceani.

Venerdì 17 febbraio
SATELLITI ARTIFICIALI E COME TROVARLI
Il numero di satelliti artificiali che orbitano intorno alla Terra sta crescendo in modo vertiginoso, soprattutto a
causa delle cosiddette mega-costellazioni. Il loro numero è già di circa 10mila, e questo senza considerare la
“spazzatura” che producono. Mentre lo scopo è, per lo più, quello di migliorare la nostra vita, il loro impatto
sull’osservazione del cielo potrebbe essere tutt’altro che benefico. Nell’incontro illustrerò la situazione attuale,
le previsioni per il futuro e cosa si può fare per attenuarne gli effetti sull’astronomia.

Prenota il tuo posto!